Compensazione delle spese processuali: no a motivazione generica.

La Corte di Cassazione, con ordinanza del 17/09/2015 nr. 18276, ritorna sulla dibattuta questione del regolamento delle spese di lite rimarcando la necessità che quest’ultime siano sempre più correlate al principio di soccombenza di cui all’art. 91 c.p.c.

Di fatto questo orientamento pare ormai consolidarsi nel solco che vuole una precisa “argomentazione” giuridica per la compensazione delle spese di lite, non essendo sufficiente il semplice rimando a clausole di stile quali la “natura della controversia”, la “qualità delle parti” e la “peculiarità della vicenda”.

Share