Famiglia – convivenza di fatto – assegnazione casa familiare – opponibilità al compratore – quando?

La Corte di Cassazione torna sulla questione convivenze di fatto ed assegnazione dell’immobile adibito a casa familiare a protezione dei minori in caso di compravendita.

Il principio espresso dalla Corte è il seguente: “Il convivente assegnatario della casa familiare quale collocatario dei minori può opporsi alla richiesta di rilascio del compratore anche se l’assegnazione dell’immobile da parte del Tribunale a protezione dei figli è successiva alla vendita” (Cass.  Civ. Sez. I – sent. 17971 del 11.09.2015).

Con quest’arresto i giudici di legittimità rafforzano la posizione del genitore assegnatario dell’abitazione, in funzione di protezione dei figli minori sommando alla già tradizionale opponibilità novennale dell’assegnazione, anche in assenza di specifica trascrizione sull’immobile, l’opponibilità del provvedimento di assegnazione al compratore seppure tale assegnazione venga pronunciata ovvero statuita in un momento successivo all’atto di trasferimento dell’immobile.

Il fondamento giuridico sotteso a tale principio di opponibilità è stato individuato nell’affectio della convivenza che rende il convivente non proprietario un detentore qualificato dell’immobile ed in forza di ciò esercita il diritto di godimento su di esso in posizione del tutto assimilabile al comodatario e quindi legittimamente può opporre tale godimento antecedente alla vendita anche all’acquirente in quanto consapevole della pregressa convivenza da parte del venditore e quindi del vincolo di godimento sorto in capo a colui che non è proprietario ma abita l’immobile venduto.

In concreto la Corte risolve il frequente problema della vendita a terzi da parte del genitore ex convivente dell’immobile di sua proprietà al fine di non vederlo “gravato” dall’assegnazione all’altro genitore in funzione di protezione dei figli. Pur così facendo  il genitore non collocatario non salverà il proprio immobile dal “peso” dell’assegnazione all’ex convivente.

Share